mer 8 Feb 2023

Benvenuti in paradiso!

Dalle 18:00 alle 18:00
Luogo: Teatro Momo
Indirizzo: Via Dante, 81 - Venezia, 30172 Italia (Indicazioni stradali)

Viaggio tragicomico tra variegate dipendenze a Norma.

Spettacolo di e con Linda Bobbo

Lo spettacolo presenta una carrellata di personaggi, in perenne bilico tra maschile e femminile, accomunati da pruriti in varie parti del corpo: prurito come espressione di un disagio, di una incapacità di entrare in contatto con le emozioni profonde ed esprimerle. Prurito come malessere nei confronti delle relazioni e più estesamente della vita. Prurito come bisogno profondo dell’essere umano di sentirsi visto, toccato, accarezzato…

La Norma, single per volontà altrui, ma è stata lei a deciderlo…con il suo stile grottesco introduce le varie “personagge”, ne somatizza i diversi pruriti e prescrive strampalati rimedi salvavita: la Donna “Va tutto bene” , continuamente percossa dal marito a cui risponde con bizzarre allergie e fantasmagorici pruriti. “Sono Fortunata”, “Va tutto bene” infatti, sono i “mantra” che questa donna ripete ossessivamente pur di non vedere e di non riconoscere il problema e la sua grande sofferenza; Gina “Grana e Vinci” : del tutto dipendente dal gioco e dai mariti che elimina puntualmente quando non può ricavare denaro o “organi” da vendere….ma se vuole Gina può smettere anche da domani; Manuelito il travestito: anche lei/lui soggetta/o a prurito, dipendente dalla sua immagine, dal bisogno di piacere “ a tutti i costi” e dalla difficoltà di collocarsi nel mondo; la Donna Trauma, che passa da un trauma all’altro: l’invalidità del marito; una badante troppo ingombrante; una burocrazia cimiteriale del tutto demenziale. Ne risulta lei stessa talmente traumatizzata che, nel baciare per l’ultima voltail marito nella bara, resterà inesorabilmente “attaccata” a lui in camera ardente per una notte…. “Andiamo Via” personaggio all’ultimo stadio, che rivendica i bisogni primari di un bambino: amore e cura, saranno proprio questi ad aprire le porte al Paradiso…forse…

 

Lo spettacolo, attraverso le dipendenze (affettiva, alcool, gratta e vinci fino ad arrivare nei casi più estremi alla malattia), cerca di esplorare vuoti che creano sofferenza, in maniera ironica e con un linguaggio surreale. Anche la malattia, che pur genera sofferenza, può essere vista come una risorsa nel momento in cui ci rimette in contatto con la nostra amabilità e con quella delle persone che ci accompagnano nel nostro viaggio.

….il vuoto non può essere colmato ma solo abitato, amabilmente.

 

Ingresso libero!

Come raggiungere l'evento