fbpx

«Ottocento. Da Senso a Sissi: la città delle donne». Titolo perfetto l’edizione 2011 del Carnevale di Venezia che rende omaggio ai 150 anni dell’Unità d’Italia. A chiude martedì grasso, 8 marzo, festa della donna il concerto delle cantautrici Paola Turci e Marina Rei.

Nel 2007 Paole Turci si esibisce dal vivo assieme a Max Gazzè e Marina Rei nel tour Di comune accordo, che tocca moltissime piccole località e capoluoghi d’Italia, con una data estera, a Losanna. Paola si esibisce con la sua chitarra elettrica e acustica, mentre Max è al basso e Marina alle percussioni; il tour è accompagnato anche dal violino di Andrea di Cesare. Durante il tour, Paola si esibisce con le sue canzoni storiche e partecipa ai successi dei colleghi, fra cui I miei complimenti e L’uomo più furbo.

Il 27 aprile 2010 esce il secondo capitolo della trilogia iniziata con Attraversami il cuore, intitolato Giorni di rose e interamente dedicato al mondo femminile. L’album contiene la reinterpretazione di Lunaspina di Ivano Fossati, eseguita in duetto con Fiorella Mannoia e sette inediti scritti per la Turci da altrettante cantautrici come Carmen Consoli, Nada, Marina Rei, Chiara Civello, Naïf Hérin, Grazia Verasani e Ginevra Di Marco.

Marina Rei è conosciuta anche come Jamie Dee. La consacrazione avviene al Festival di Sanremo, dove Marina partecipa nella sezione giovani col brano Al di là di questi anni.  Terza posto e il premio della critica.

Per il Gran finale in Piazza San Marco del Carnevale di Venezia le due musiciste si riuniscono.

Alla fine del concerto, quando la Marangona (la campana maggiore del campanile di San Marco) batte la mezzanotte, si conclude il Carnevale 2011 con una suggestiva «Regata del Silenzio» lungo il Canal Grande, oscurato per l’occasione e illuminato solo da fiaccole. Un modo per riportare la città all’armonia del silenzio, dopo i giorni di festa, e al lento scorrere delle imbarcazioni a remi sull’acqua.

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su “OK” per chiuderlo, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su questo link   Ok

Condividi

Facebook Twitter LinkedIn Email