Newwave Media srl

le forze d'ercole

Le forze d’Ercole erano una delle prove fisiche e i giochi in cui i Nicolotti e i Castellani potevano cimentarsi per dimostrare la loro forza e la loro superiorità rispetto alla fazione avversaria.

Come vi avevamo già anticipato in un altro articolo, questo era uno degli spettacoli che per secoli sono stati organizzati durante il giovedì grasso.

 

Cosa sono le forze d’Ercole?

Le forze d’Ercole ereano una prova di resistenza, abilità, agilità e soprattutto di equilibrio. Consistono nella formazione di una piramide umana: gli acrobati delle due squadre – i castellani e i nicolotti, appunto – salivano uno sopra l’altro, tenendosi per mano e aiutandosi con lunghi pali e travi. Chi riusciva a formare la piramide più alta, vinceva lo scontro. 

La piattaforma dove si posizionavano gli uomini era costruita sui masegni di piazzetta san Marco con travi e botti. Per aumentarne la difficoltà, qil gioco si poteva svolgere su chiatte galleggianti o barche, talvolta anche nelle strette calli veneziane.

La base della piramide era costituita da 10-12 uomini – a formare la “saorna” (zavorra) – che rendevano stabile la struttura usando sia il loro corpo che particolari regoli di legno, permettendo così di costruire i piani superiori.  La cima della piramide umana era riservata al “cimiereto, un ragazzino che si esibiva in acrobazie per il pubblico e per cercare di vincere contro la fazione avversaria.

Queste costruzioni umane possono essere davvero impressionanti: vi partecipavano fino a 24 persone, raggiungendo talvolta l’altezza dei monumenti. 

 

Piramidi umane

Le piramidi erano di varie difficoltà e vi erano assegnati nomi altisonanti come il Colosso di Rodi, la bella Venezia, la Gloria, la Fama, la cassa di Maometto, l’Unione e la Verginella.

Insieme alla lotta dei pugni, queste sfide rappresentavano non solo la voglia di sconfiggere l’acerrima fazione nemica, ma un vero proprio spettacolo per la repubblica di Venezia durante i festeggiamenti del Carnevale.

Ci sarà un piccolo assaggio di questa storica rivalità tra Nicolotti e Castellani il 9 febbraio 2018 alle 14.30 in Piazza San Marco. Accorrete numerosi!

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Accedendo ad un qualunque elemento sottostante questo banner o cliccando su “OK” per chiuderlo, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su questo link   Ok